Organizzare la terapia psicologica

Organizzare la terapia psicologica

Organizzare la  terapia psicologica richiede alcune regole di lavoro e di comportamento.

Valutazione iniziale del problema

Quando si comincia percorso psicologico, il terapeuta cognitivo-comportamentale chiede di compilare alcuni questionari con lo scopo di acquisire più informazioni sul paziente, così da comprendere i problemi presenti.
L’assessment prevede abitualmete 3 incontri, la somministrazione di questionari e la restituzione del caso.

Organizzazione delle sedute di terapia

Paziente e terapeuta lavorano insieme per CONCORDARE un programma di terapia che include la frequenza degli incontri, la rilevanza di assumere farmaci o no, la diagnosi, gli obiettivi da raggiungere e le competenze da acquisire: i cambiamenti che sono richiesti per modificare il modo in cui il paziente pensa, si comporta e comunica.
Paziente e terapeuta decidano gli obiettivi del percorso terapeutico e l’ordine del giorno della seduta: lo scopo è quello di risolvere i problemi e non di lamentarsene e rimuginare.

Compiti per casa

La terapia cognitivo-comportamentale richiede che si faccia esercizio di applicazione delle strategie anche fuori dalle sedute, come qualsiasi altro training.
Esempi di compiti per casa sono: la registrazione dei propri pensieri, dei propri comportamenti; l’elenco delle attività svolte; esercizi di esposizione, di problem solving e di assertività.
Ricerche hanno dimostrato che i pazienti che svolgono a casa i compiti dati in seduta raggiungono i risultati più in fretta e li mantengono più a lungo di chi non lo fa.

Verrà concordato l’impegno ad essere presente e puntuale da parte di entrambi. Nel rispetto dell’impegno preso, le sedute disdette senza preavviso di 24 ore sono soggette a pagamento.

COSTI: La seduta individuale dura 50 minuti e costa 80 euro
La seduta di coppia e/o familiare dura 80 minuti e costa 120 euro
Le sedute possono essere disdette con 24 ore di preavviso senza corrisponderne l’importo.